Cisa vedere a Napoli in un giorno
Napoli

Cosa vedere a Napoli in un giorno: itinerario a piedi

Intro: Hai poco tempo e non sai cosa vedere a Napoli in un giorno?  Lasciati guidare da me alla scoperta della mia stupenda città, attraverso un itinerario a piedi facile da realizzare!

Napoli è una città che non conosce tempo e ogni suo centimetro è ricco di storia, magia, poesia, musica, leggende, sapori e tradizioni.

posti da visitare alla luce del sole sono solo una piccola parte, perché esistono tante altre meraviglie sotterranee segrete, come:

Parlare di cosa vedere a Napoli in un giorno non è semplice, tuttavia proverò a farlo. 

In rete trovi molte informazioni, anche in inglese (come what to do in Naples – Italy in one day oppure one day in Naples – Italy), ma ho pensato che leggere un articolo di una napoletana potesse comunque essere utile.

Si dice che:

Roma è il cuore d’Italia e Napoli è la sua anima.

Per non fare torto a nessuno dei tesori culturali da scoprire di questa città, ho deciso di iniziare parlandoti dell’itinerario a piedi che amo fare più spesso.

Ti starai chiedendo se è possibile visitare Napoli in 24 ore. Ovviamente no, come tutte le grandi città!

Ti consiglio di programmare almeno tre o quattro giorni per visitare Napoli con calma, utilizzando i mezzi pubblici e godendoti le stazioni d’arte della metropolitana di Napoli , per vivere anche le zone meno turistiche, come il Rione Sanità.

Clicca qui e leggi anche il mio articolo con itinerario di 3 giorni dedicato alla Costiera Amalfitana, Pompei e il Rione Sanità.

Se hai solo un giorno perché sei in crociera o nel bel mezzo di un viaggio, lascia che ti mostri le cose da fare a Napoli grazie a questo tour a piedi gratuito!

Hai solo 1 GIORNO per VISITARE NAPOLI?

Organizza il tuo viaggio in pochi step:

☞ Dove dormire? Clicca qui per trovare l’hotel adatto alle tue esigenze!
Cosa vedere di non impegnativo? Prenota il tuo tour GRATIS, cliccando qui!
Vuoi un’app audioguida per visitare la città? Clicca qui!

Come arrivare a Napoli

Napoli è raggiungibile con qualsiasi mezzo di trasporto:

  • Aereo: l’Aeroporto Internazionale di Napoli Capodichino è uno dei più importanti d’Italia, dista circa 7 km dal centro e i collegamenti con la città sono molto efficienti. C’è anche un servizio autobus, Alibus, con fermata anche al Porto. Vuoi evitare i mezzi pubblici? Trovi il TRANSFER al tuo hotel dall’aeroporto, cliccando qui;
  • Treno: la stazione Napoli Centrale – Piazza Garibaldi è perfettamente collegata con tutte le destinazioni italiane;
  • Nave: il Molo Beverello è il porto di Napoli e si trova in una posizione privilegiata per iniziare un itinerario a piedi della città di qualche ora;
  • Autobus: molte città italiane sono collegate a Napoli tramite tratte in autobus, che raggiungono l’area Metropark, adiacente alla stazione centrale;
  • Auto: da nord, prendi l’autostrada A1, l’Autostrada del Sole; dal sud – lato mar Mediterraneo – la A3, Napoli- Reggio Calabria, mentre dall’Adriatico, l’A16, Napoli-Canosa. Da ovunque arriviate, dopo l’uscita di Napoli, per raggiungere la zona centro segui le indicazioni Centro – Porto – Stazione Marittima – Stazione Centrale.

Se arrivi in auto potrai parcheggiare al Metropark in via A. Lucci, vicino alla stazione centrale e, avendo un tuo mezzo a disposizione, puoi approfittarne per seguire anche l’altro mio tour per visitare Napoli dal centro storico al tramonto dal Parco Virgiliano.

Sappi che a Napoli il tempo corre al proprio ritmo. Un ritmo caotico che coincide col battito del cuore del suoi abitanti e che di posti belli da visitare ce ne sono a bizzeffe.

Sei pronto? Andiamo!

Ti dico già che ci saranno all’incirca 10 cose da vedere a Napoli tra le più famose.

Clicca qui per scaricare l’itinerario in pdf!

Questa è la mappa dell’itinerario a piedi di cosa vedere a Napoli in una giornata, con partenza e arrivo alla stazione centrale. 

Puoi cliccare il link per averla sempre con te: https://goo.gl/maps/PzLoWcSiuCXnjqUc7

Come vedi dalla mappa, l’itinerario a piedi ha tutti i luoghi d’interesse abbastanza vicini tra loro, tuttavia per vedere Napoli con calma ci vorrà il tempo giusto, per questo è un percorso da fare in una intera giornata.

Prima di iniziare, ci tengo a dirti che di sicuro il modo migliore per iniziare ad esplorare la città è partecipare ad un Free Tour.

VISITA NAPOLI con un TOUR GRATIS della città

Puoi scegliere di vedere Napoli attraverso 2 tour guidati e gratuiti, ovvero non hanno un prezzo fisso, ma sarai tu, alla fine del free tour, a decidere l’importo da pagare in base al tuo grado di soddisfazione:

Free Tour degli angoli più suggestivi di Napoli: prenota cliccando qui!
Free Tour del centro storico: prenota cliccando qui!

Direi che adesso siamo pronti per iniziare il nostro itinerario di cosa vedere a Napoli in un giorno.

Piazza Garibaldi e il Rettifilo

Scopriamo adesso cosa vedere a Napoli in un giorno.

Un ottimo punto di partenza per visitare Napoli è Piazza Garibaldi.

Questa è la zona della stazione centrale dei treni, ma troverai anche il Terminal della metropolitana collinare, quella che comprende anche la famosissima fermata di Toledo, per intenderci.

Cosa vedere a Napoli

Per gli spostamenti, se non sei amante di lunghe passeggiate a piedi, ti consiglio di scegliere il biglietto giornaliero per metro e bus a €3,50.

Oppure…

☞ Acquista questo Tour Sali e Scendi in autobus, con un biglietto della durata di 24 ore.

Dopo aver ammirato la statua di Giuseppe Garibaldi, imbocca Corso Umberto I, che a Napoli tutti conoscono come il Rettifilo.

Questa strada collega la stazione al centro ed è ricca di edifici e monumenti storici da ammirare

Ovunque volgerai lo sguardo ovunque e secoli di storia saranno lì a farti l’occhiolino.

Tanti ricordi mi legano a questo corso, perché quando frequentavo l’Università “L’Orientale” nel centro storico, spesso incontravo le amiche sulla scalinata dell’Università “Federico II”, situata proprio qui su Corso Umberto I.

Approfittavamo delle pause lunghe tra una lezione e l’altra per passeggiare e fare shopping, perché qui ci sono tantissimi negozi in cui trovare abbigliamento e accessori ad un prezzo ottimo.

Iniziamo da qui il nostro giro di cosa vedere a Napoli.

Maschio Angioino, Teatro San Carlo e Piazza Plebiscito

Percorso tutto il Rettifilo (circa 1,3 km a piedi) ti troverai a Piazza Bovio e da lì proseguendo per via Cardinale Guglielmo e via Medina arriverai a Piazza Municipio.

Ti aspetterà il maestoso Maschio Angioino e proseguendo verso Piazza Trieste e Trento vedrai l’elegante Teatro San Carlo, per poi finalmente giungere ad ammirare Piazza Plebiscito in tutto il suo splendore.

Fontana Nettuno Napoli

Piazza Municipio e la Fontana di Nettuno

Piazza Municipio troverai una delle più belle fontane di Napoli: la Fontana del Nettuno, recentemente restaurata.

Uno spettacolo mozzafiato e un luogo molto instagrammabile per condividere Napoli con i tuoi follower.

Vale la pena trascorrere un po’ di tempo qui per rilassarsi, mangiare un gelato e fare qualche foto.

Maschio Angioino

Maschio Angioino: il Castel Nuovo

L’inconfondibile imponenza del Maschio Angioino, o “Castel Nuovo“, domina la scenografica Piazza Municipio.

Costruito tra il 1279 e il 1284 da Carlo I d’Angiò, ha ospitato, negli anni, personaggi importanti come Giotto, Petrarca e Boccaccio.

La Cappella Palatina, oggi sede del Museo Civico, è ancora intatta.

Secondo alcune leggende, nelle prigioni sotterranee di questo castello, c’era un enorme coccodrillo che si nutriva dei prigionieri condannati a morte!

Per saperne di più, clicca qui e leggi il mio articolo sul Maschio Angioino!

Teatro San Carlo

Quando sei pronto per andare, prosegui la passeggiata verso Piazza Trieste e Trento: prima di raggiungerla, guardando alla tua sinistra, vedrai il Teatro San Carlo.

Uno dei teatri lirici più famosi al mondo, il più antico ancora attivo!

Fondato nel 1737, in passato aveva una capacità di 3.285 posti a sedereridotta in seguito a 1386.

Molti altri teatri hanno provato a copiare lo stile del Teatro San Carlo nel corso degli anni, ma ancora oggi è il palcoscenico preferito in Italia per molti cantanti lirici e famosi attori teatrali.

La prima impressione è d’essere piovuti nel palazzo di un imperatore orientale. Gli occhi sono abbagliati, l’anima rapita. Non c’è nulla, in tutta Europa, che non dico si avvicini a questo teatro, ma ne dia la più pallida idea.
Stendhal

Palazzo Reale Napoli
Miguel Hermoso Cuesta

In Piazza Trieste e Trento, troverai il Palazzo Reale di Napoli.

Progettato nel 1600 da Domenico Fontana e completato, tra gli altri, da Luigi Vanvitelli , fu la residenza dei viceré spagnoli per oltre 150 anni.

Oggi è sede della Biblioteca Nazionale, un luogo molto suggestivo, scrigno di libri dal valore inestimabile.

Cerca di pianificare in anticipo cosa fare a Napoli, perché se volessi fare shopping e scattare foto, potresti non avere il tempo di visitare musei ed edifici storici.

Se decidessi di soffermarti in qualche luogo particolare, allora questo è il luogo adatto, poiché potresti visitare gli appartamenti reali e i giardini.

La facciata del Palazzo Reale è su Piazza Plebiscito.

Piazza Plebiscito

Piazza Plebiscito

Questa piazza è uno dei simboli di questa città e quando la vedrai arrivando da Piazza Trieste e Trento, sarà come se aprissi lentamente una finestra per lasciar entrare il sole, uno spettacolo che ti riempirà il cuore, difficilmente la dimenticherai.

È la piazza più famosa di Napoli, sulla quale affacciano:

  • la Basilica di San Francesco di Paola;
  • il Palazzo Reale;
  • il Palazzo della Prefettura;
  • Palazzo di Salerno.

L’area è pedonale e ti consiglio di fermarti ad ammirare – e fotografare – le statue dei re di Napolinelle otto nicchie costruite da Vanvitelli sulla facciata del Palazzo Reale.

Al centro della piazza, troverai le maestose statue equestri di Carlo III e Ferdinando I, realizzate la prima da Canova e la seconda, per metà (il cavallo) da Canova prima della sua morte, e poi terminata dal suo allievo Antonio Calì.

Accanto al Palazzo Reale, potrai ammirare il Vesuvio dal piccolo belvedere che affaccia sul lungomare di via Caracciolo.

Avendo poco tempo ti consiglierei di goderti solo per un attimo il panorama e non iniziare a passeggiare da quel lato.

Il mare ti rapirebbe gli occhi, scorgeresti il Castel dell’Ovo in lontananza e ti verrebbe voglia di raggiungerlo, per visitare anche il Borgo Marinari.

Per approfondire questa zona, clicca e leggi i miei articoli su:

Caffè Gambrinus

Il Caffè Gambrinus

Cosa vedere a Napoli e perché no, cosa mangiare o bere.

Hai presente le sirene di Ulisse?

Ecco, in questa città ogni scorcio ti rapisce e si perde la cognizione del tempo, quindi meglio focalizzarsi su questo nostro itinerario a piedi e fermarci a prendere un ottimo caffè dal Gambrinus, storico locale accanto a Piazza Plebiscito.

Arredato in stile Liberty, conserva al suo interno stucchi, statue e quadri della fine dell’Ottocento realizzate da importanti artisti napoletani.

Quando entrerai qui ti sembrerà di poter scorgere ancora seduti a quei tavolini scrittori e artisti, che discutono di letteratura, politica e arte: Benedetto Croce, Matilde Serao, Eduardo Scarpetta, Totò e i De Filippo, Ernest Hemingway, Oscar Wilde, Jean Paul Sartre, D’annunzio e tanti altri l’hanno considerato il loro punto di incontro.

Il Gran Caffé Gambrinus è stato la tappa di molti “Gran Tour“, i viaggi di iniziazione culturale che intraprendevano i giovani aristocratici europei, tra il 1600 e il 1700, per approfondire la conoscenza del patrimonio artistico e culturale del paese. 

Gli incontri con letterati e artisti erano parte del percorso formativo.

Sarà magico poter tornare indietro nel tempo, grazie a uno dei luoghi storici della città!

Il caffè espresso a Napoli è un rituale, servito esclusivamente in tazza calda, che sprigiona il suo aroma inebriante.

Una curiosità: prima di prendere il caffè, bevi l’acqua che ti sarà servita insieme, perché serve a ripulire la bocca da ogni sapore precedente e a gustarti solo il sapore dell’ottimo caffè napoletano.

Il Caffé Gambrinus ti permette anche di lasciare un “caffè sospeso“: un’antica tradizione napoletanaper cui paghi un caffè, per chi non potesse permetterselo.

☞ SUPER CONSIGLIO
Se proprio volessi vivere un’esperienza unica, allora prenota un tour degustazione, cliccando qui! Non te ne pentirai!

Galleria Umberto I Napoli

Galleria Umberto I, Via Toledo e Piazza Dante

Per entrare nella Galleria Umberto I, dovrai solo imboccare via Toledo e troverai alla tua destra uno dei 4 ingressi.

La stupenda galleria coperta risale al XVIII secolo, costruita tra il 1887 e il 1890.

Nel 1896 fu scelta come sede del primo cinema a Napoli.

Per più di 50 anni, la Galleria Umberto I fu la sede di lavoro dei “sciuscià“, i lustrascarpe: bambini – scugnizzi napoletani – che pulivano le scarpe a uomini facoltosi.

Risalendo Via Toledo (conosciuta anche come via Roma), raggiungerai Piazza Dante (circa 1,4  km a piedi).

Pintauro

Cosa mangiare a Napoli: la sfogliatella di Pintauro

Percorrendo via Toledo, dopo pochi metri troverai Pintauro, famoso per le sue sfogliatelle dal 1785.

Non vuoi fermarti ad assaggiarne una?

Anzi, facciamo due, una riccia e una frolla e se proprio vuoi esagerare prendi anche il buonissimo babà.

Lo senti il profumo di ricotta, cedro e cannella delle sfogliatelle calde? Quel ripieno morbido, coccola il palato e scalda l’anima!

La sfogliatella è il dolce simbolo di Napoli, conosciuta tanto quanto il famoso babà al rum e Pintauro è una tappa obbligata per gustare queste delizie.

Troverai le sfogliatelle anche in altre zoneclicca qui e leggi il mio articolo su dove mangiare le migliori a Napoli.

La famosa metropolitana di via Toledo

Una delle principali arterie di Napoli è via Toledo, famosa per lo shopping, dove troverai tantissimi negozi delle più grandi marche: H&M, Alcott, Disney e tanti altri come Lush (ti ricordi? Ero stata invitata per l’inaugurazione).

Fu commissionata dal viceré Pedro Alvarez de Toledo nel 1536, oggi è un’area pedonale, limitata da edifici storici, palazzi nobiliari, chiese, banche e boutique.

Passeggiando dai uno sguardo nei vicoli perché ti regaleranno scorci da presepe napoletano e tanto folklore.

Ti ricorderanno anche l’atmosfera ricreata nelle riprese di Passione di John Turturro (se non l’avessi visto, fallo) e per le scene girate nei vicoli della città in Mangia, Prega e Ama” con Julia Roberts.

Vicoli Napoli

Proprio accanto ai negozi della Disney e di Bershka troverai l’ingresso della metropolitana Toledo, quella famosa ormai in tutto il mondo.

Uno dei luoghi assolutamente da aggiungere alla lista delle cose da vedere a Napoli!

Secondo il quotidiano inglese The Daily Telegraph è la stazione della metropolitana più bella d’Europa, affermazione confermata anche dalla CNN.

Questa stazione ha vinto innumerevoli premi in tutto il mondo, tutti meritati: è a tema marino, e i viaggiatori sono accolti con musica classica, luci  e mosaici blu e bianchi.

Se fossi stanco potresti approfittarne per ammirare il meraviglioso interno e raggiungere Piazza Dante (è una sola fermata di distanza).

Metropolitana Toledo

Arrivato qui sarà ormai ora di pranzo – a Napoli è alle 14 circa, – quindi perché non fermarti a mangiare un’ottima pizza in una delle mie pizzerie preferite?

Cosa vedere a Napoli e cosa mangiare: la Pizza Napoletana

Ce ne sono tantissime buone, ma io vado spesso da Sorbillo in Via dei Tribunali.

Il locale con pietre ai muri e tavoli in marmo e rame è confortevole e fascinoso ed ha come per incanto fermato il tempo.

Gino Sorbillo è un pizzaiolo napoletano apprezzato nel mondo per la sua verve e il suo eclettismo. 

Suo padre è il diciannovesimo di 21 figli, tutti pizzaioli. Qui ci si sente a casa: i Sorbillo sono pizzaioli per tradizione ma professionisti per scelta.

Gino Sorbillo Napoli
Pizza Sorbillo

Cosa vedere a Napoli: il Centro Storico

Cosa vedere a Napoli dopo aver pranzato?

Potrai passeggiare per il centro storico, arrivando fino a Piazza San Domenico Maggiore, una delle piazze più importanti di Napoli, dove alle spalle troverai la Cappella Sansevero col Cristo Velato.

SPACCANAPOLI

Ho dedicato un intero articolo alla strada principale del centroSpaccanapoli, lunga circa due km, se sei curioso ti consiglio di approfondirecliccando qui.

Non posso nasconderti che anche Spaccanapoli e il Cristo Velato sono tra le 10 cose da vedere a Napoli, ma ti servirebbero almeno due giorni per visitare questi posti, aggiungendoli all’itinerario a piedi

Un’altro dei luoghi da visitare al centro storico è San Gregorio Armeno, conosciuta come la Via dei Presepi.

Potrai arrivare sia dal Duomo che da Spaccanapoli, ma come ti dicevo conviene che per questa zona tu faccia riferimento all’itinerario dedicato.

Per ottimizzare la tua giornata ti consiglierei un tour di Napoli con cibo, vino e visita guidata.

Assaggerai cibi tradizionali e passeggerai, gustando la ricca cucina napoletana in 7 diversi punti di degustazione – spuntini di parmigiana di melanzane, fiori di zucca, babà e sfogliatelle.

Dopo aver visto il Monastero di Santa ChiaraPiazza Bellini e Piazza del Gesù, proverai un’autentica pizza margherita oppure una pizza fritta napoletana, accompagnata da un sorso di Aglianico.

☞ SUPER CONSIGLIO
Acquista questo tour serale, cliccando qui!

Quando la tua giornata sarà finita, scendendo Via Mezzocannone, ti ritroverai sul Rettifilo e concluderaiil giro turistico, tornando alla Stazione Centrale di Piazza Garibaldi.

Cosa fare a Napoli di sera?

Restando nel centro storico, potresti fermarti per un aperitivo in Piazza Bellini. Sono certa che non te ne pentirai!

☞ DOVE DORMIRE A NAPOLI

Se stai pianificando una vacanza e non sai dove dormire a Napoli, puoi leggere il mio articolo sulle zone migliori dove pernottare oppure sui migliori bed and breakfast della città.

Oppure dai un’occhiata alla mappa.

Booking.com

Spero di averti dato delle informazioni utili su cosa vedere in città avendo poco tempo a disposizione.

Sei pronto a esplorare la città?

4 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *