Cosa vedere a capri
Napoli

Cosa vedere a Capri in un giorno

Intro: Capri, conosciuta per essere una località turistica molto glamour, è facilmente raggiungibile da Napoli e dalle città lungo la Costiera Amalfitana. Scopriamola insieme!

Capri è un’isola nel golfo di Napoli, si trova di fronte alla penisola sorrentina – alla quale inizialmente era unita – e vicina alle isole di Ischia e Procida.

Il suo territorio è costituito da monti di media altezza, come il Monte Solaro e il Monte Tiberio, e da altopiani interni come quello di Anacapri.

Ha una costa costituita da ripide scogliere, baie, calette e grotte, la più nota è la Grotta Azzurra.

Una gita a Capri è assolutamente da non perdere come tappa nel tuo itinerario di viaggio della Costiera Amalfitana oppure se sei in vacanza per più giorni a Napoli.

È possibile vedere la maggior parte dell’isola in un giorno, partendo la mattina e rientrando la sera, rendendo memorabile la tua visita!

È una delle località turistiche più belle d’Italia, meta del turismo chic e glamour, abbastanza costosa ma assolutamente da visitare.

Cosa vedere a Capri

L’isola di Capri ha dei luoghi di interesse tutti da scoprire e il suo fascino ti farà letteralmente innamorare.

È considerata la perla del Mediterraneo, quindi ti consiglio di organizzare un itinerario di viaggio dedicato alla visita di Capri e Anacapri per vedere i luoghi di interesse e anche qualche tappa un po’ più particolare.

Ecco un elenco di cosa vedere a Capri in un giorno, per ottimizzare al meglio il tuo tempo!

Prendi carta e penna, si parte!

Come arrivare a Capri da Napoli 

Per la tua gita a Capri con partenza da Napoli, dovrai recarti al Molo Beverello, dove partono gli aliscafi oppure al molo di Calata Porta di Massa per prendere un traghetto o una nave veloce.

L’opzione ideale è l’aliscafo per Capri dal Molo Beverello, perché sia traghetti che navi veloci – al contrario del nome – sono più lenti, anche se è più costoso e non potrai imbarcare mezzi a motore.

Puoi acquistare i biglietti al molo d’imbarco, ma nei mesi estivi ti suggeriamo di arrivare in anticipo al porto per non rischiare di restare a terra, causa sovraffollamento. 

Una volta raggiunta Capri, sarai a Marina Grande, il porto principale e hai moltissime opzioni da valutare per immergerti nella visita dei luoghi di interesse di Capri:

  • Funicolare: si trova di fronte al molo e ti porta in 4 minuti alla Piazzetta di Capri. Il costo del biglietto è di 2€. Ricorda che da gennaio a fine marzo chiude per manutenzione;
  • Autobus: sono minibus con partenze previste ogni 15 minuti;
  • Taxi decappottabili: possono ospitare fino a 7 persone alla volta e sono un’opzione piacevole per girare Capri;
  • Motorino: affittare un motorino è un’idea perfetta per chi vuole essere indipendente dai mezzi pubblici. I principali noleggi sono al porto di Marina Grande.

In ogni caso, Capri è percorribile a piedi e raggiungere i luoghi di interesse è molto semplice, considera che da Marina Grande alla Piazzetta di Capri sono circa 15 minuti a piedi.

Tour da Napoli a Capri con pranzo incluso

Un’alternativa potrebbe essere acquistare un tour da Napoli a Capri con pranzo incluso e partenza dal Molo Beverello.

Il viaggio in aliscafo per Capri dura circa 40 minuti e la prima tappa della tua visita guidata all’isola è Marina Grande.

Raggiungi Anacapri in minibus, un viaggio breve e divertente che regala panorami meravigliosi.

Passeggia nella famosa Piazzetta, conosciuta come il salotto del mondo, e luogo d’incontro di star del cinema e VIP sin dai tempi della dolce vita negli anni ’50 e ’60.

La tua guida ti racconterà tutto dell’isola e della sua storia, fino a condurti ai Giardini di Augusto, lungo le affascinanti Via Camerelle, Via Tregare e al centro del paese.

Sosterai per il pranzo in un ristorante tipico locale, dove assaporerai i piacevoli e rinfrescanti sapori locali e dopo pranzo ammirerai i Faraglioni, uno spettacolo amato anche dagli imperatori romani.

Maggiori informazioni e prenotazioni per il tour, clicca qui!

Marina Grande di Capri

Marina Grande Capri

La Marina Grande di Capri è un porto turistico dove arrivano quasi tutti i visitatori, ad eccezione di quelli con mezzi privati. 

Se ti fermi un attimo ad osservare con calma, ti sembrerà di essere finito in una cartolina, con le casette colorate e le piccole barche a remi.

In inverno, il porto di Marina Grande appartiene ai suoi abitanti: pescatori che vivono di quel che offre il mare.

In estate, troverai il classico caos dei porti: molti abitanti vivono anche di turismo e ti offriranno depliant con le migliori offerte per prenotare un ristorante oppure un giro dell’isola in motoscafo.

Non spazientirti, ma goditi l’atmosfera dell’isola e approfittane per decidere quale itinerario scegliere per visitare Capri partendo dal porto di Marina Grande.

Scegli cosa vedere a Capri iniziando da un giro in barca per raggiungere la Grotta Azzurra oppure raggiungendo la famosissima piazzetta grazie all’autobus o alla funicolare.

La piazzetta

Piazza Umberto I è la famosissima piazzetta di Capri, conosciuta come “il salotto del mondo” e il cuore pulsante dell’isola.

Alla fine del 1700, lo storico austriaco Norbert Hadrawa la descriveva così:

“Un piccolo largo, che comincia dalla cattedrale e termina alla casa del doganiere, è il mercato di Capri, dove si spacciano fave ed alcuni frutti, qualche volta i maccheroni, ma la carne quasi mai. Se per disgrazia precipita una vacca da uno scoglio, e resta morta, si pubblica con la trombetta per tutta l’isola che si venderà della carne”.

Per raggiungere la piazzetta, basta attraversare la terrazza della funicolare, dove potrai anche ammirare lo splendido panorama del Golfo di Napoli.

In estate, potrai sorseggiare un cocktail in uno dei tanti bar, all’ombra del Campanile e, perché no, scorgere seduto accanto a te un personaggio famoso in vacanza a Capri.

Nei dintorni, troverai delle scalette che ti condurranno all’ex Cattedrale di Santo Stefano, la chiesa principale di Capri risalente al XVII secolo, e al Centro Caprense Ignazio Cerio, un museo sulla storia dell’isola dal paleolitico a oggi.

Ti consiglio di proseguire fino alla parte più antica di Capri, l’aranceto delle Teresiane, per poi andare alla prossima tappa della tua visita a Capri.

I Faraglioni e i Giardini di Augusto

Faraglioni Capri

Se dalla piazzetta di Capri imbocchi Corso Vittorio Emanuele, raggiungerai via Camerelle, la via dello shopping, dove si trova il famoso Grand Hotel Quisisana.

Proseguendo nel vicoletto accanto all’hotel, via Matteotti, in 5 minuti raggiungerai i fantastici Giardini di Augusto.

Sono una serie di terrazze di fiorite, affacciate da un lato sui Faraglioni di Capri – leggi il loro significato e la loro leggenda – e dall’altro sulla Baia di Marina Piccola e sulla spettacolare Via Krupp

Sai perché fu costruita via Krupp?
Agli inizi del ‘900, l’industriale tedesco Friedrich Alfred Krupptrascorreva le sue vacanze estive a Capri, poiché era appassionato di biologia marina.
Siccome trovava scomodo attraccare il suo panfilo a Marina Piccola per poi raggiungere la sua suite all’Hotel Quisisana, commissionò all’ingegnere Mayer una strada di collegamento.
La roccia fu tagliata a vivo, superando un dislivello di 100 metri, dando vita ad una serie di tornanti così stretti da sembrare sovrapposti, diventati una delle strade più belle al mondo.

Tutto intorno, i Giardini di Augusto sono circondati dalla Valle della Certosa, dal Monte Tuoro, dal Monte Tiberio e dal Monte San Michele.

Orari e biglietti

Il biglietto di ingresso ai Giardini costa 1€ e per i bambini è gratis fino a 11 anni. Ti consiglio di acquistare il biglietto da 5€ che comprende anche la visita alla Certosa di San Giacomo.

Gli orari di apertura dei Giardini di Augusto sono:

  • Aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre: dalle 9:00 alle 19:30;
  • Novembre, dicembre, gennaio, febbraio, marzo: dalle 9:00 alle 16:30.

Assicurati di orari e costi all’ufficio informazioni turistiche a Marina Grande o in Piazzetta, poiché possono modificare in base alla stagione.

Se vuoi scattare delle foto spettacolari o semplicemente goderti il panorama in tranquillità, visita questo luogo al mattino presto o al tramonto.

Proseguendo su via Camerelle, tra negozi di souvenir, boutique di lusso e botteghe dell’artigianato, sono certa che troverai il ricordo di Capri più adatto a te, da acquistare e portare a casa.

Via Camerelle ti condurrà al Belvedere Targara, da dove potrai ammirare i Faraglioni dall’alto.

Ti sembrerà di guardare una cartolina di questi due giganti immersi in mille sfumature di blu tra cielo e mare.

 Acquista un’esperienza imperdibile: visita tutti i luoghi di interesse di Capri, a bordo di un mini-bus!

Villa Jovis

Dai Giardini di Augusto, puoi raggiungere Villa Jovis, la più grande delle 12 ville che l’Imperatore Tiberio decise di far costruire sull’isola, nel I secolo d.C.

La passeggiata è di circa 2,5 km, attraverso via Matteotti, Via Croce e Via Tiberio, un po’ faticosa ma vale assolutamente la pena.

L’itinerario è tutto in salita, quindi indossa abbigliamento e scarpe comode e porta dell’acqua.

L’imperatore Tiberio si era letteralmente innamorato di Capri, tanto da lasciare Roma per ritirarsi a vivere qui e villa Jovis è una testimonianza di questo amore.

Domina il promontorio del Monte Tiberio e la conca verso Cesina e il panorama è uno dei suoi punti forti:

  • Nord, affaccia sul Golfo di Napoli aprendosi da Ischia fino a Punta Campanella;
  • Sud, volge lo sguardo al centro di Capri.

A Villa Jovis c’era un faro, ma pochi giorni dopo la morte dell’imperatore, un terremoto lo fece crollare, insieme a buona parte della villa.

I resti di Villa Jovis sono stati inspiegabilmente ignorati per anni e molti dei reperti sono andati persi. Solo nel 1932, questa zona archeologica è stata recuperata e valorizzata.

Il biglietto di ingresso costa 6€ e gli orari sono:

  • Dal 1° Giugno al 30 Settembre aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00;
  • Ottobre: dalle 10:00 alle 17:00 (chiuso il martedì);
  • Novembre e Dicembre: dalle 10:00 alle 16:00 (chiuso il martedì). 

Resta chiusa nei mesi di Gennaio e Febbraio e il 25 dicembre. 

Parco Astarita

Poco prima dell’ingresso di Villa Jovis, c’è il Parco Astarita, ad ingresso libero e poco conosciuto, quindi fuori dalle solite rotte turistiche.

Questo parco ha due punti memorabili, a parte la bellezza naturalistica:

  1. la terrazza dalla quale ammirare un panorama spettacolare;
  2. le caprette di Capri, che pascolano liberamente e si possono incontrare passeggiando.

Villa Lysis

Dopo aver visitato il Parco Astarita e Villa Jovis, ti consiglio di raggiungere la vicina Villa Lysis, costruita nel 1904 da Jacques d’Adelswärd Fersen, un nobile parigino travolto dagli scandali, che si esiliò volontariamente a Capri.

Il Conte Fersen volle che la villa lo rispecchiasse e fosse rifugio per vivere la sua storia d’amore con il giovane romano Nino Cesarini.

All’inizio del ‘900, Villa Lysis fu apprezzata anche da artisti, intellettuali, poeti per la bellezza artistica e architettonica, capace di fondere insieme diversi generi.

La sua elegante scalinata porta in cima l’iscrizione “Amori et Dolori Sacrum”, voluta dal Conte Fersen.

L’ingresso a Villa Lysis costa 2€ e gli orari sono: 

  • Aprile – Maggio – Settembre – Ottobre: ore 10.00 – 18.00;
  • Giugno – Luglio – Agosto ore 10.00-19.00;
  • Novembre – Dicembre ore 10.00-16.00. 

Questo itinerario tra le due ville e il Parco Astarita è una di quelle chicche di Capri da non perdere.

Un giro in barca: Grotta Azzurra

Fare un giro in barca è un must della tua visita a Capri per una giornata per vedere il paesaggio unico per cui l’isola è famosa: le acque blu e le famose grotte ti aspettano!

Ti consiglio di prenotare un tour che ti permetta di visitare la famosa Grotta Azzurra: un’esperienza straordinaria poter vedere le acque blu in questo luogo magico

Per molti secoli, la Grotta di Gradolanome precedente della Grotta Azzurra – non fu visitata, a causa delle leggende popolari che la caratterizzavano infestata da demoni.

Fu riscoperta e valorizzata il 18 aprile 1826 dallo scrittore tedesco August Kopisch e dal pittore Ernst Fries, accompagnati dal pescatore locale Angelo Ferraro e dal notaio Giuseppe Pagano.

Quando le onde sono troppo alte è impossibile e pericoloso entrare nella Grotta Azzurra, quindi assicurati di come sarà la giornata prima di prenotare la gita.

Cosa vedere a Capri? Indubbiamente questa grotta!

 Acquista il tour in barca con sosta alla Grotta Azzurra!

La Certosa di San Giacomo

Molto vicino ai Giardini di Augusto, troverai la Certosa di San Giacomo, costruita nel 1371 su un terreno donato dalla Regina Giovanna I D’Angiò al conte Giacomo Arcucci.

È la costruzione più antica dell’isola di Capri, rifugio di ombra e silenzio durante la tua visita.

La Certosa di Capri è divisa in 3 blocchi distinti:

  1. Riservato alla farmacia e alla chiesa per le donne;
  2. Dedicato ai frati conversi e agli ospiti esterni con annessi i granai, le scuderie e i laboratori dove lavoravano i monaci;
  3. Destinato alla vita di clausura con le celle intorno al Chiostro Grande e gli altri ambienti intorno al Chiostro Piccolo.

Attualmente la Certosa di San Giacomo è la sede del Liceo Classico di Capri, del Museo Diefenbach e, durante l’estate, è area di concerti e manifestazioni.

Anacapri

Anacapri è un piccolo paradiso terrestre, dove passeggiare tra casette colorate e vicoletti, dove per arrivare in autobus, la fermata principale è Piazza Vittoria, punto di riferimento per due opzioni:

  1. la seggiovia per raggiungere la cima del Monte Solaro;
  2. prendere a piedi Via Capodimonte, che ti porterà al Museo di Villa San Michele.

Il centro storico di Anacapri è ricco di botteghe artigiane e luoghi di interesse:

  • Chiesa San Michele Arcangelo: costruzione barocca che incuriosisce tanti turisti per il pavimento in maiolica raffigurante la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre;
  • Chiesa di Santa Sofia: caratterizzata dalla volta a botte e dalla facciata dalle linee barocche, che nasconde un po’ l’antico campanile alle spalle;
  • Piazza Boffe: una delle contrade più antiche di Anacapri, dove potrai  ammirare le volte a botte delle antiche case costruite dai mastri muratori.

Assolutamente da visitare la casa rossa, dimora del colonnello americano John Clay MacKowen, dipinta in rosso pompeiano e arricchita da reperti archeologici trovati da lui durante le sue passeggiate per Capri.

Potrai ammirare la mostra permanente “L’Isola dipinta: viaggio pittorico a Capri ed Anacapri tra Ottocento e Novecento” e anche le statue recuperate sui fondali della Grotta Azzurra.

Anacapri è un piccolo gioiellino da non perdere durante la tua visita a Capri.

Quando visitare Capri

Dopo averti consigliato cosa vedere, ti suggerisco qual è il periodo migliore per visitare Capri.

I mesi più turistici e caotici sono giugno, luglio e agosto, meno adatti per andare sull’isola, perché trascorreresti il tempo a fare lunghe file nei vari luoghi di interesse o per prendere la funicolare, il minibus o la seggiovia.

Capri è sconsigliata in inverno a causa delle condizioni meteo incerte, perché vengono sospesi i collegamenti con la terraferma e le visite in barca alla Grotta Azzurra o ai Faraglioni.

Il periodo migliore per organizzare la tua visita a Capri è in primavera, nei mesi di fine marzo, aprile e inizio maggio.

Il clima è ideale e l’isola è ancora invasa dai turisti.

Allora, hai segnato tutto? 

Se hai voglia di andare in spiaggia, leggi il mio articolo con l’elenco delle più belle di Capri.

Se ti restasse ancora un po’ di tempo oppure avessi voglia di visitare Capri per due o più giorni, puoi consultare Visit Capri e scoprire tutti i luoghi di interessa dell’isola.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.